21 dicembre 2014

The book is on the table #1: leggere in inglese

Buonasera carissimi amici lettori!

Sono le 3:32 del mattino e dovrei essere a letto, ma ho un sacco di cosette da sistemare tra cui questo primo post dopo il restauro a livello grafico del blog: vi piace? a me molto, è un look professionale e pulito che spero apprezzerete.

Tornando a noi, oggi inauguro The book is on the table, nuova rubrica dedicata alle mie letture in lingua inglese. Vi dirò, mi sono stancata di aspettare mesi e mesi affinchè determinati romanzi vengano tradotti in italiano, così ho deciso di iniziare a leggere in inglese oltre che nella mia lingua madre. Sono felicissima di questa mia scelta, sto scoprendo romanzi mai usciti in italiano o che chissà quando vedranno la luce (uno su tutti: The invention of wings della Sue Monk Kidd, lo aspetto da mesi!), inoltre il mio inglese sta migliorando tantissimo e leggo senza troppa fatica. Insomma, è una scelta di cui non mi pento e che vi consiglio (presto scriverò un articolo a riguardo quindi restate sintonizzati!!).

Ho escluso due romanzi in quanto li ho già divorati, si tratta dei primi due volumi della serie Dollangangers di Virginia Andrews. In Italia è stato pubblicato solo il primo volume della serie nel lontano 1979, mentre in inglese è possibile trovare l'intera saga, cofanetto incluso. Ve ne parlerò prossimamente, promesso!


Ed ora passiamo agli altri acquisti in lingua.

  •  Wicked, di Gregory Maguire - uscito nel 1995, Wicked si rifà al mondo di Frank Baum nel suo Il mago di Oz, ma questa volta il romanzo è rivolto agli adulti e non più ai bambini. Il volume fa parte della serie intitolata The Wicked Years, composta da altri tre libri. Esiste anche un musical tratto da questo romanzo, mentre per il momento si vocifera di una serie TV
  • The troop, di Nick Cutter - un mix tra Il signore delle mosche e 28 giorni dopo. Un gruppo di scout è impegnato in una gita fuori porta, quando all'improvviso si avvicina un uomo "spaventosamente magro, pallidissimo e vorace". Si scoprirà che l'uomo è vittima di un esperimento di bioingegneria...
  • To kill a mockingbird, di Harper Lee - ovvero Il buio oltre la siepe. Ho già avuto modo di leggere (ed amare) questo meraviglioso romanzo in italiano e, dal momento che avevo voglia di rileggerlo, ho pensato di buttarmi sulla versione originale. Se non lo avete ancora letto vi domando: che cosa state aspettando?
  • Jasper Jones, di Craig Silvey - mistero, romanticismo, abusi, razzismo ed ipocrisia sono solo alcuni dei temi trattati in questo libro, classificato tra i maggiori capolavori degli ultimi anni, tanto da essere stato accostato addirittura al sopracitato romanzo firmato da Harper Lee. E' in lavorazione l'adattamento cinematografico.
  • American born chinese, di Gene Lee Yang - una graphic novel il cui tema principale sono razzismo, bullismo ed integrazione tra i pari.
  • Hell house, di Richard Matheson - un horror incentrato sulla classica casa stregata, ma definito tra i più spaventosi dallo stesso maestro del brivido, Stephen King. Detto questo, non credo di dovervi spiegare altro eheh
  • Perfect Peace, di Daniel Black - il ritratto di una famiglia del sud degli Stati Uniti e la decisione di una madre di far crescere il proprio figlio come fosse la bambina che non ha mai avuto.
  • The darkest child, di Delores Phillips - le vicende di Tangy Quinn, tredicenne vissuta nella Georgia degli anni '50, costretta dalla madre a lasciare la scuola per lavorare come cameriera presso ricche famiglie bianche nonchè come prostituta. Sia il romanzo della Phillips che di Daniel Black esplorano il conflitto madre/figli nelle famiglie afro-americane degli anni '50.
Ed ora come sempre vi aspettano le domande: leggete in inglese? conoscete o avete letto qualcuno di questi romanzi? quale più vi attrae e perché? fatemi sapere, sono curiosissima :)

Buonanotte a tutti!

3 commenti:

  1. Che carina la grafica!! ^^
    Anche io odio aspettare i tempi di traduzione, quindi alcuni libri li leggo direttamente in inglese. Faccio prima!

    RispondiElimina
  2. I libri della saga della Andrews li ho letti tutti e ne ho parlato anche dalle mie parti ;)

    Ma in generale poche volte leggo i libri in inglese, solo quando sono troppo curiosa per poter aspettare e diciamo anche che i primi libri in italiano esistono solo che sono introvabili, il titolo diventa Fiori senza sole da quel che ho letto. Manco su Amazon li ho trovati :(

    RispondiElimina
  3. Sì leggo in inglese ma non libri troppo llunghi o complessi ^^ per esempio Wicked non credo lo leggerò mai XD è enorme XD

    RispondiElimina

Per favore lascia un commento :) In alternativa puoi contattarmi via e-mail Grazie!

Ti va di interagire?


Diventa follower!

Seguimi su Facebook

Archivio del blog

Blogroll

Dove acquisto?

Ultimi commenti



I visitatori