3 ottobre 2013

Recensione: Lux #1 Obsidian (Jennifer L. Armentrout)

Titolo: Obsidian
Serie: Lux
Autore: Jennifer L. Armentrout
Editore: Giunti Y
Pagine: 336
Prezzo: 12,00€

Il mio voto 
 
  
E se l’amore viaggiasse alla velocità della luce?
Katy, una book blogger diciassettenne, si è appena trasferita in un paesino soporifero del West Virginia, rassegnandosi a una noiosa vita di provincia. Noiosa finché non incrocia gli occhi verdissimi e il fisico da urlo del suo giovane vicino di casa: Daemon Black è la quintessenza della perfezione. Poi quell'incredibile visione apre bocca: arrogante, insopportabile, testardo e antipatico. Fra i due è odio a prima vista. Ma un giorno Daemon salva Katy da un’inspiegabile aggressione, bloccando il tempo con... un flusso sprigionato dalle sue mani. Sì, il ragazzo della porta accanto è un alieno. Un alieno bellissimo invischiato in una faida galattica, e ora anche Katy, senza volerlo, c’è dentro fino al collo. L’unico modo per sopravvivere è stare incollata a Daemon. Sempre che lei non lo uccida prima...

 La mia opinione


Obsidian contiene una delle protagoniste più odiose e stupide del panorama letterario. Vi è un continuo "tira e molla" con Daemon - alieno di luce - talmente forzato ed esasperante che più volte ho desiderato abbandonare il libro al suo destino.

La verità, però, è che questo primo volume della serie Lux si legge in modo scorrevole. Molto. E tutto sommato è coinvolgente (lo si termina in 2 giorni senza difficoltà); pecca semplicemente di mediocrità: credo che sarebbe stato godibile se come contorno l'autrice non avesse optato per la storia degli alieni provenienti da un altro pianeta lontanissimo, ma avesse scritto una storia adolescenziale di un amore *dispettoso* e basta. 

L'idea di fondo non sarebbe nemmeno del tutto disastrosa, ma fondamentalmente Obsidian è ripetitivo: per gran parte del libro le scene ed i pensieri di Katy e Daemon sono sempre uguali, eccetto qualche particolare in più. 

Non ho potuto far a meno di notare delle similitudini molto vicine a Twilight (se non ricordo male persino un discorso che mi è parso di aver già sentito altrove, ma ahimè non amando prendere appunti mentre leggo, non posso riportarvi esattamente il pezzettino a me familiare. Perdonatemi...), ma la più eclatante è quella che assimilerebbe i due ad Elena e Damon di The Vampire Diaries - riuscita malissimo per altro!  Inoltre Obsidian è una raccolta di clichè che sarebbero anche stati "divertenti" se l'autrice avesse optato per un genere meno pretenzioso.

I pareri che ho letto in giro sono alquanto discordanti: c'è chi lo ha amato moltissimo, chi lo ritiene indegno e chi più o meno la pensa come la sottoscritta ovvero: indifferente ed a tratti fastidioso.
Talmente tanto indifferente che una recensione particolamente articolate non mi riesce proprio.
Il book trailer è così brutto poi...! 
Per curiosità lo potete guardare QUI 
Mah & Boh  :/


 photo FirmaLD_zpsaba3de10.png

4 commenti:

  1. Anche a me non è piaciuto... le similitudini con Twilight poi sono assurde! L'ho addirittura dato via in scambio guarda...

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. ahaha! Eh ragazze mie... si legge velocemente e si scorda pure altrettanto velocemente non lasciandoti proprio nulla. Di buono c'è che questo primo numero in un certo senso si *autoconclude* perciò chissene del resto della saga :P
    Mi ha delusa abbastanza e mi è pure dispiaciuto perchè sembrava un'idea carina... ma....per favore O.O una protagonista deficiente ed uno che non è più stupido che figo =__= Ad ogni modo, Twilight è - credetemi - sviluppato meglio e con un senso (parlo dei libri, non della ciofeca film). Obsidian è stato un flop :(

    RispondiElimina
  4. Anche io l'avevo tra i "coming soon". Lo metterò in coda agli altri allora!

    RispondiElimina

Per favore lascia un commento :) In alternativa puoi contattarmi via e-mail Grazie!

Ti va di interagire?


Diventa follower!

Seguimi su Facebook

Archivio del blog

Blogroll

Dove acquisto?

Ultimi commenti



I visitatori