26 settembre 2013

Recensione: L'albero dei Segreti (Sarah Addison Allen)

Titolo: L'albero dei segreti
Autore:Sara Addison Allen
Editore: Sonzogno
Pagine:253
Prezzo:17,00

Il mio voto


 Benvenuti a Walls of Water piccola località turistica del North Carolina, un luogo dove il mistero è più fitto della nebbia che circonda il paese. Tanto tempo fa, l'imponente palazzo vittoriano in cima alla collina era proprietà della famiglia di Willa Jackson. Poi quell'edificio abbandonato divenne il simbolo della rovina dei Jackson e di tutto ciò da cui Willa aveva deciso di fuggire. Da qualche anno la donna si è rifugiata ai margini della vita del paese, a gestire un negozio di articoli sportivi - rigorosamente biologici - e un baretto dal quale provengono deliziosi profumi di torte e biscotti al caffè per la gioia dei visitatori. Ma un giorno Willa riceve una busta sulla quale riconosce l'elegante firma della sua ex amica del cuore, Paxton Osgood. All'interno, un invito impossibile da ignorare perché riguarda proprio quell'antica dimora di cui ora sono proprietari gli Osgood. Ecco che il passato sembra tornare a perseguitare l'ultima discendente dei Jackson, costringendola a riaprire il cancello del misterioso giardino dove sta per venire alla luce un segreto rimasto sepolto per decenni. Un segreto che cambierà la vita di Willa e della sua amica in un modo che nessuno si sarebbe mai aspettato.


La mia opinione

Amo Sarah Addison Allen. E' una delle mie autrici preferite: ogni suo romanzo è magico. Ogni volta che termino una sua lettura il mio cuore è pieno di sentimenti bellissimi e volteggia nell'aria. Questa scrittrice ha la capacità di farmi sentire così bene che vorrei le sue storie non finissero mai!

L'albero dei segreti non delude, una storia incantevole e delicata. Un'intreccio di amicizia, amore e magia in una cittadina dal nome affascinante come Walls Of Water

Pagina dopo pagina, il lettore viene trasportato in un mondo semplice, dove è il destino a comandare. Le coincidenze non esistono, tutto ha un significato, che vogliamo crederlo o meno. E così ci immergiamo con Willa in un susseguirsi di misteri che le cambieranno la vita e le faranno trovare non solo un'amica per la vita, ma anche un amore come tutte vorremo e la stessa cosa accadrà a Paxton.

La delicatezza dei messaggi di Sarah Addison Allen sono spiazzanti, L'albero dei segreti ha una morale potente e attualissima: l'accetazione delle diversità. Ogni persona è unica e come tale va compresa e accettata con tutti pregi e difetti. Non solo: non sempre l'apparenza è l'essenza di chi ci sta di fronte, anzi, essa può trarre in inganno con facilità. 


!!ATTENZIONE SPOILER!!
Sebastian, il migliore amico di Paxton, è il mio personaggio preferito. Scambiato per gay da chiunque semplicemente per i suoi atteggiamenti e per il modo di vestire ai tempi del college, è un uomo che oserei definire quasi "perfetto". Allen riesce a creare un desiderio potentissimo nel lettore che si soddisfa nel momento in cui Sebastian racconterà della sua giovinezza e confesserà a Paxton di amarla come lei lo ama.  Inoltre per buona parte del romanzo si evince una forte tensione erotica anche tra Colin (fratello maggiore di Paxton) e Willa, e tutto questo rende molto "vivo" il racconto. E' una qualità indiscussa dell'autrice che riesce ad essere sensuale nelle sue descrizioni senza mai volgarità o banalità di cattivo gusto.
FINE SPOILER


Durante la lettura, sentirete spesso il profumo dolce delle pesche e l'odore del caffè appena macinato. Sono sensazioni incredibilmente forti che fanno parte della magia stessa del libro.
Coinvolgente, da leggere tutto d'un fiato e sognare, sognare, sognare....



 photo FirmaLD_zpsaba3de10.png

2 commenti:

  1. Questa è la scrittrice dei profumi, me l'hai fatta conoscere proprio tu, anche se ancora non ho letto i libri che mi hai gentilmente passato, ma non preoccuparti li metterò sicuramente nella prossima lista!*-*
    Da come la descrivi, e da come parli dei suoi libri credo che piacerà moltissimo anche a me.

    RispondiElimina
  2. Dritto nella mia lista.. io invece del quadernino di Nageki uso i promemoria del cellulare!

    RispondiElimina

Per favore lascia un commento :) In alternativa puoi contattarmi via e-mail Grazie!

Ti va di interagire?


Diventa follower!

Seguimi su Facebook

Archivio del blog

Blogroll

Dove acquisto?

Ultimi commenti



I visitatori