23 maggio 2013

Recensione: Shades of London #1 Jack lo squartatore è tornato (Maureen Johnson)

Titolo: Shades: Jack lo Squartatore è tornato
Autore: Maureen Johnson
Serie: Shades
Casa editrice: Chrysalide
Pagine: 396
Prezzo: 12,80€


Il mio voto:
 







Rory è appena arrivata a Londra dall’America per cominciare una nuova vita in una nuova scuola. Ma proprio il giorno del suo arrivo, un brutale omicidio sconvolge la città, tanto più spaventoso perché riconosciuto come l’imitazione del primo assassinio di Jack lo Squartatore, il serial Killer che nel 1888 conquistò con la sua efferatezza le cronache di tutto il mondo. La polizia è senza indizi e senza testimoni, ma ancora per poco: sarà proprio Rory a notare un uomo misterioso sul luogo del secondo, feroce delitto. Ma perché la sua amica, che era a fianco a lei, non ha visto nulla? Se è un fantasma quello che Rory ha visto, certo non è meno pericoloso di un omicida in carne e ossa: però richiede l’intervento di un corpo segreto di polizia, una squadra che aiuterà Rory a scoprire poteri che finora non sospettava di avere.


                                                                     La mia opinione

Well... Mi sono avvicinata a questo romanzo attirata dal titolo, lo ammetto. "Shades of London" ha un fascino innegabile e accostato al nome di Jack lo Squartatore diventa un'apoteosi di mistero e intrigo. E tutto si ferma lì XD
A parte gli scherzi, nel corso della lettura, per un bel po'  non succede nulla o quasi.  Poi si comincia a delineare il mistero di un assassino che prende il nome del famigerato incubo dell'Inghilterra del tardo '800, emulandone gli omicidi persino nei luoghi e nelle ore. E dopo?
Mmmm... l'idea di fondo è originale,  ma si perde in un'accumulo di stupidità e di demenza della protagonista: Aurora è insulsa, scialba e noiosa. 
Di solito quando un romanzo mi appassiona, lo leggo voracemente e velocemente, in questo caso invece ho avuto un blocco: al 73% mi sono fermata lasciando trascorrere quasi 13 giorni dalla ripresa... un finale "PUF". Letteralmente. Temo che l'autrice abbia perso una grande occasione. Non dico che sia scritto male o che vada del tutto cestinato, ma è stata una colossale astuzia utilizzare un riferimento storico di tale portata per creare aspettativa anche se verrà delusa e stroncata in breve tempo.  
Ho apprezzato l'accostamento paranormal della vicenda, ma mi ha fatto ridere a crepapelle la banalità del "friggere" i fantasmi con un cellulare, anzi, scusate, con il Terminus
Meglio un VERO thriller storico, credetemi. E se vi fidate di me, vi consiglio di passare oltre: ci sono un mucchio di altre bellissime storie e saghe che valgono il vostro tempo; se poi non avete nulla di meglio tra le mani allora ok, cimentatevi pure nella lettura di Shades of London, ma non dite che non vi avevo avvisati :P




 photo FirmaLD_zpsaba3de10.png

3 commenti:

  1. E' già la seconda recensione negativa che leggo in pochi giorni :/ Peccato,sembrava molto interessante :(

    RispondiElimina
  2. Guarda, il mio consiglio è quello di farsi sempre una propria idea e di non lasciarsi mai troppo influenzare dalle recensioni in quanto tutti noi abbiamo percezioni e gusti differenti, però al contempo mi sento portata a suggerire altri romanzi. Avrei tanto desiderato di meglio per questo thriller paranormale e ribadisco: le idee buone c'erano! Solo che sono trascese nella mediocrità, forse perchè destinato ad un pubblico adolescente?
    Ad ogni modo se lo trovi ad un prezzo non troppo impegnativo o riesci a recuperarlo in una biblioteca, affrontalo e facci sapere cosa ne pensi :D

    RispondiElimina
  3. Mi fido... e poi ne ho davvero le scatole piene di protagoniste "insulse, scialbe e noiose" ;)

    RispondiElimina

Per favore lascia un commento :) In alternativa puoi contattarmi via e-mail Grazie!

Ti va di interagire?


Diventa follower!

Seguimi su Facebook

Archivio del blog

Blogroll

Dove acquisto?

Ultimi commenti



I visitatori