7 aprile 2013

Personaggio del Cuore


Eccoci alla primissima puntata della nostra rubrica "Personaggio del Cuore" :D In ogni libro che ho letto c'è sempre stato un uomo che mi ha emozionata e del quale mi sono letteralmente innamorata, ma anche delle grandi donne che mi hanno ispirata tanto e mi hanno persino aiutata a crescere, o coppie che mi hanno fatta tanto sognare.. Perciò, con questa premessa, vorrei presentarvi proprio una coppia: Beren e Lùthien, nati dalla penna del grandissimo J.R.R. Tolkien per lo splendido libro "Il Silmarillion".

La storia d'amore di Lúthien con Beren fu una delle più grandi dei Tempi Remoti, e fu rivissuta molto più avanti da Aragorn ed Arwen (rif. "Il Signore degli Anelli").
Beren era un umano, diretto discendente di Bëor il Vecchio, fondatore della più nobile ed antica casata degli Edain. Con suo padre Barahir, lottò contro gli orchi di Morgoth nel Dorthorion. Dopo quattro anni di guerre, Beren fuggì nel Doriath, terra di Thingol e Melian, dove fra i suoi boschi incontrò la loro figlia elfica Lúthien, che stava ballando e cantando, egli la chiamò Tinúviel (usignolo) per la dolce ed incantevole voce che la fanciulla possedeva. Lei era la più bella fra tutti gli Elfi e Uomini.
I due si innamorarono perdutamente, ma il re Thingol, nonché padre di Lúthien, non volle acconsentire alla loro unione, e decise di concedere la mano di sua figlia a Beren soltanto nel momento in cui egli non gli avrebbe consegnato uno dei tre Silmaril (gemme elfiche create da Fëanor) rubati da Melkor, che causò così la venuto degli elfi nella Terra di Mezzo. Accettata la missione, Beren partì alla volta di Morgoth accompagnato da un caro amico, Finrond Felagund. I due furono catturati da Sauron sull'Isola dei Lupi Mannari e gettati nelle prigioni. Lúthien corse in aiuto di Beren, insieme al cane di Valinor, Huan, che aggredì i lupi che facevano di guardia alle prigioni. Beren e Lúthien riuscirono a fuggire travestiti da lupo mannaro e da vampiro e, giunti ad Angband, Beren riuscì a prendere uno dei Silmaril che adornavano la corona di Melkor addormentato. Durante la fuga, Melkor inviò al loro inseguimento il lupo 
Carcharoth che amputò con un morso la mano di Beren che stringeva il Silmaril. I due innamorati riuscirono a salvarsi, ma Carcharoth gli inseguì sino al Doriath, dove lo distrusse. Beren, Thingol e Huan uccisero la bestia, estraendo il Silmaril dal suo stomaco e facendo si che Beren lo poté consegnare a Thingol. Però egli non sopravisse alla battaglia, e tra le braccia di Lúthien spirò. La fanciulla non poté resistere al doloro e subito dopo seguì il suo amato nel regno dei morti. Nelle Aule di Mandos (il Vala dell'aldilà), Lúthien implorò il Vala affinché fosse data nuova vita a Beren; Mandos, commosso dal canto di Lúthien, acconsentì alla richiesta, a patto però che la fanciulla elfica sarebbe divenuta mortale una volta tornati in vita. Tornati in vita, Beren e Lúthien ebbero un figlio, che chiamarono Dior. I due coronarono così il loro sogno e non furono mai divisi, né in vita né in morte.

Curiosità: dopo la morte, Tolkien volle che sulla sua tomba e sulla tomba della moglie venissero incisi il nome rispettivamente di Beren e Luthien perchè il loro amore fu della stessa intensità.


 photo FirmaLD_zpsaba3de10.png

3 commenti:

  1. Ciao
    so che questo commento non c'entra niente con il tuo post, ma ti volevo dire che hai visto il Liebster Blog Award, per sapere tutte le info e per domande guarda nel mio blog
    Cipollina - Shadow World

    RispondiElimina
  2. Bellissima la loro storia, mi ha sempre emozionato :-) Però, la conosco solo indirettamente perché "Il Silmarillion" ancora devo leggerlo. Sapevo che Tolkien chiese di far incidere i nomi di Beren e Luthien sulla sua tomba e su quella della moglie... infatti, l'ho sempre considerato una persona meravigliosa...tralasciando il suo talento letterario, già solamente da questo dettaglio si capisce che è stato un grande uomo ^-^

    RispondiElimina
  3. Innazitutto grazie a Cipollina per il premio assegnatoci! Stiamo rispondendo alle domande :D

    Ancella: Il Silmarillion è un capolavoro davvero. Non è complesso, noioso o pomposo lo si legge tutto d'un fiato. Penso che posterò la recensione anche su questo blog perchè merita d'essere conosciuto di più. L'ho preferito al Signore degli Anelli nonostante ne sia la genesi proprio per la sua lettura semplice e meno dispersiva. Si s che affrontare il SdA non è cosa da tutti, ci vuole molta buona volontá e pazienza XD ne parlerò presto anche nella sezione dedicata alle trasposizioni cinematografiche!

    RispondiElimina

Per favore lascia un commento :) In alternativa puoi contattarmi via e-mail Grazie!

Ti va di interagire?


Diventa follower!

Seguimi su Facebook

Archivio del blog

Blogroll

Dove acquisto?

Ultimi commenti



I visitatori