5 marzo 2013

La signora canta il blues (Billie Holiday)

Titolo: La signora canta il blues
Titolo originale: Lady sings the blues
Autore: Billie Holiday
Edizione: Feltrinelli
Pagine: 296
Prezzo: € 7.65

il mio voto:
 




"La mamma e il babbo erano ancora due ragazzi quando si sposarono. Lui aveva diciott'anni, lei sedici, io tre". Dagli slums di Baltimora ai café society di New York, dagli studi di registrazione alle galere americane, dalla violenza del razzismo subìto all'affrancamento ottenuto attraverso il successo nel mondo dello spettacolo, dalle frequentazioni eccellenti all'inferno della dipendenza dalla droga, Billie Holiday insegue sempre un sogno di dignità umana, di qualità dell'esistenza puntualmente contraddetto dalla realtà. L'unico ambito in cui questa fatica di vivere e di combattere trova sublime compimento è la musica, e tutto il mondo sa quanto la voce di Billie Holiday testimoni vertigini di sensibilità che vanno oltre le canzoni.  


La mia opinione


Tra i miei romanzi preferiti figurano quelli inerenti la questione razziale, così dopo aver saccheggiato la libreria di mia mamma ho finito per rivolgermi a Twitter. Tra i suggerimenti mi è stato consigliato l'acquisto di questa autobiografia, piacevolissima storia di vita vissuta raccontata dalla grande Billie Holiday. Ammetto che prima di leggere questo libro non avessi mai o quasi mai ascoltato i suoi dischi, ma sto cercando di porre rimedio a questa mancanza.

Oltretutto -questo va detto- dopo la lettura non si può non provare simpatia nei confronti di questa donna, capace di raccontare tristi eventi della sua vita pur riuscendo a strapparti un sorriso grazie alla grinta ed all'atteggiamento mantenuto nei confronti dei suoi detrattori. La passione con cui Lady racconta il suo amore per il blues e le vicende che l'hanno portata a comporre determinati pezzi spingono il lettore a volerne sapere di più, a voler ascoltare la voce di Lady Day che a distanza di anni dalla sua morte riesce ancora ad emozionare. Lo confesso, quando Billie Holiday racconta la nascita di "Strange fruit" ho dovuto cercare il testo della canzone e rabbrividire di fronte all'immagine che a poco a poco prendeva forma davanti ai miei occhi. Tanti, tantissimi gli episodi in cui Lady ha purtroppo dovuto fare i conti con il razzismo, senza contare ingiustizie e crudeltà di giornalisti, polizia ed approfittatori. Consiglio questo romanzo a tutti gli appassionati di autobiografie e soprattutto a chi, come me, è interessato alla questione razziale. 

1 commento:

  1. Non conosco la sua discografia, né la sua storia, ma la tua recensione mi ha molto incuriosita.

    RispondiElimina

Per favore lascia un commento :) In alternativa puoi contattarmi via e-mail Grazie!

Ti va di interagire?


Diventa follower!

Seguimi su Facebook

Archivio del blog

Blogroll

Dove acquisto?

Ultimi commenti



I visitatori